Calcio Gazzetta

[Storie di Calcio] Andrea Mandorlini

Mandorlini storia

Oggi per la nostra rubrica “Storie di Calcio” parleremo dell’ex difensore ed attuale allenatore del Genoa, Andrea Mandorlini.

Nato a Ravenna il 17 luglio del 1960, Mandorlini è cresciuto nelle giovanili del Ravenna ma ha esordito in prima squadra nel 1978 con la maglia del Torino in Serie A. In 2 stagioni con la maglia granata, ha collezionato 27 presenze senza segnare gol.

Nell’estate del 1980 si trasferisce all’Atalanta con cui in 1 stagione colleziona 34 presenze e 1 gol. Nell’estate del 1981 approda all’Ascoli e in 3 stagioni nelle Marche disputa 73 partite con 5 reti all’attivo.

Nell’estate del 1984 passa poi all’Inter e con i nerazzurri vive la sua migliore fase della carriera di calciatore. In 7 stagioni sotto la Madonnina, gioca 180 partite di campionato segnando 9 reti, vincendo 1 Scudetto (1988/89), 1 Supercoppa Italiana (1989) e 1 Coppa UEFA (1990/91).

Nell’estate del 1991 accetta di scendere in Serie B per vestire la maglia dell’Udinese e in 2 stagioni in Friuli disputa 42 partite con 2 gol segnati, conquistando la promozione in Serie A e la salvezza nella stagione successiva, vincendo lo spareggio contro il Brescia.

Alla fine della 2° stagione a Udine, Mandorlini decide di smettere di giocare. Appese le scarpe al chiodo, inizia la carriera di allenatore nella stagione 1993/94 con i dilettanti della Manzanese.

Dalla stagione 1994/95 alla stagione 1997/98 ricopre il ruolo di vice allenatore del Ravenna. Nel 1998/99 subentra sulla panchina della Triestina, dal 1999/00 al 2001/02 allena lo Spezia conquistando nella prima stagione in Liguria la promozione in Serie C1 con il record di punti nella storia di questa categoria (76).

Nella stagione 2002/03 esordisce in Serie B sulla panchina del Vicenza, la stagione successiva allena poi l’Atalanta conquistando la promozione in Serie A, però nella stagione successiva al suo esordio in panchina nella massima serie, dopo 3 mesi di campionato, viene esonerato.

Nel novembre del 2005 subentra sulla panchina del Bologna venendo, però, esonerato nel marzo del 2006. Nel dicembre dello stesso anno subentra sulla panchina del Padova, ma a fine stagione non viene confermato.

Nell’estate del 2007 ha una nuova occasione in Serie A sulla panchina del Siena, ma a novembre, complici i pessimi risultati, viene ancora esonerato. Nella stagione 2008/09 allena il Sassuolo neopromosso in B e sfiora i play-off.

Nel novembre del 2009 subentra sulla panchina del Cluj in Romania, dove riesce a vincere il campionato è la Coppa di Romania. La stagione successiva viene confermato, ma dopo qualche mese viene esonerato.

Nel novembre del 2010 subentra sulla panchina del Verona in Lega Pro e riesce subito a conquistare i play-off vincendoli e riportando il Verona in Serie B dopo 4 anni. Sulla panchina scaligera, Mandorlini ottiene i suoi migliori risultati da allenatore in Italia riuscendo, nella stagione 2012/13, a riportarli in Serie A dopo 11 anni di assenza ed a sfiorare, nella stagione successiva, un piazzamento in Europa League. La storia tra Mandorlini e il Verona s’interrompe nel novembre del 2015 quando, complice il bruttissimo inizio di campionato, la società decide di esonerarlo.

Da qualche settimana Mandorlini siede sulla panchina del Genoa al posto dell’esonerato Ivan Juric.

Mandorlini ha 2 figli, Davide e Matteo, che sono entrambi calciatori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.