Calcio Gazzetta

Spalletti: “Grandi possibilità di passare”. Dzeko: “Dobbiamo giocare da Roma.”

Embed from Getty Images

Alla vigilia del match contro il Lione il tecnico giallorosso si è presentato in conferenza stampa per rispondere alle domande dei cronisti presenti.

Il tecnico inizia la conferenza facendo un resoconto sugli indisponibili:
Per Peres gli esami sono negativi, vediamo oggi come si sviluppa l’allenamento per vedere come risponde il flessore sinistro. Perotti, flessore destro prima di Palermo, ieri ha fatto quello che doveva fare, se c’è conferma anche oggi è come se fosse disponibile. Emerson, dicono il tendine rotuleo ma non è quello è il tendine del quadricipite della coscia sinistra.”
A precisa domanda riguardante il match di domani Spalletti si è espresso così:
“Domani sera non andranno fatti errori di valutazione dentro la partita. Il risultato ci penalizza, ma bisogna sempre vederlo con occhi giusti. Anche se avessimo perso 1-0 noi domani sera per qualificarci dovevamo fare due gol, di conseguenza è quella la strada. Conoscendo e visto quello che è successo, la cosa è lì a portata di mano.
Sarà una partita delicata sotto l’aspetto delle prese di posizioni e delle attenzioni. Una delle priorità in fase difensiva saranno le verticalizzazioni improvvise. Poi nel tentativo di dare ritmo non dobbiamo perdere ordine ed avere equilibrio nel tentativo degli avversari. Difese deboli? E’ più una qualità dell’attacco delle due squadre. Se suona meglio si può andare a giocare anche a quattro, quello che è fondamentale è l’equilibrio della squadra. Sui gol presi eravamo numericamente a posto, e quindi è segno che non c’era equilibrio. Dobbiamo uscire senza rimpianti, senza nessuna paura. Il risultato dell’andata ormai è avvenuto, ma non significa niente. Io sono convinto che domani sera mireranno a fare della partita diventando delle stelle nella serata, senza timore di prendere gol. La qualificazione è aperta anche prendendo gol, il 3-1 può avvenire. Convintissimo che noi dentro la partita domani sera riusciremo a ragionare e fare quello che c’è bisogno dentro questi 90 minuti.”
Sull’incontro tra lui ed il presidente Pallotta, ha risposto:
“Quando lo vedo lo saluto, Ascolterò quello che ha da dirmi, ma non mi sembra ci siano i presupposti per il casino che è venuto fuori. Io devo portare a casa i risultati che spero siano soddisfacenti per lui. Io non ho da dire niente, ho solo da ascoltare

Alla vigilia del match contro il Lione, l’attaccante giallorosso, Edin Dzeko, si è presentato in conferenza stampa per rispondere alle domande dei cronisti presenti

 

Sulla gara di domani Dzeko ha risposto:
“Domani è anche più difficile della prima, dobbiamo fare due gol per andare al turno successivo. Tutti dicono che siamo una squadra forte, anche io lo penso. Ma dobbiamo dimostrarlo domani.
Come nel primo tempo di Lione, abbiamo fatto bene e fatto due gol, avendo anche altre occasioni. Il loro primo gol è arrivato su nostra punizione laterale. Dobbiamo concentrarci di più su queste situazioni, il Lione nel secondo tempo ha giocato aggressivo, dovremo farlo anche noi perché solo così si può passare.”
Sulla differenza di rendimento rispetto alla scorsa stagione,  l’attaccante romanista si è espresso in questo modo:
“Forse ancora non così cattivo come vuole il mister. Ho avuto sempre fiducia in me stesso, anche l’anno scorso quando non ho fatto molto bene al primo anno in Italia. Non voglio guardare indietro ma guardare sempre avanti. Per adesso voglio fare sempre di più e aiutare la squadra che ha bisogno di me, no mister? Magari domani posso fare una buona partita ed aiutare la squadra a passare.”
 A precisa domanda riguardante la prolungata assenza della Curva Sud :
L’unica cosa che posso dire che per noi è sempre meglio quando lo stadio è pieno. Noi abbiamo bisogno di loro. Abbiamo visto a Lione come lo stadio era pieno e anche dopo il 2-1 volevano di più. I tifosi gli sono stati dietro ed hanno fatto 3 gol con il sostegno dei tifosi. Magari in futuro cambierà qualcosa, questa squadra ha bisogno del sostegno tifosi”.

Riccardo Luppino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.