WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Calcio Gazzetta

Roma – Barcellona: Conf. Di Francesco “Impresa difficile, ma è giusto crederci”

Alla vigilia del match contro il Barcellona, il tecnico giallorosso si è presentato in  sala stampa per rispondere alle domande dei cronisti presenti

Grande affluenza di pubblico – Ogni volta c’è una responsabilità, al di là del numero degli spettatori. Noi dobbiamo sempre giocare al meglio per questa maglia, in più dobbiamo rispondere al 4-1 dell’andata e dare una grande risposta. Per questo mi aspetto grande partecipazione da parte della gente, può essere l’arma in più, ma noi dobbiamo essere a trascinare loro prima di tutto con una grande prestazione fisica, emotiva, tecnica: in tutti i sensi.”

Debacle contro la Fiorentina – “Il mio pensiero era riferito all’ultimo allenamento. Abbiamo fatto una seduta di sviluppo della manovra andando a fare gol anche senza avversari, e mi ero arrabbiato perché facevamo pochi gol. La mancanza di cattiveria nelle cose facili te la porti anche in partita, questo era il riferimento. Il fatto è che la squadra non cerca di fare ciò che chiedo perché sia a Barcellona che con la Fiorentina siamo mancati in cinismo e cattiveria: non lo compri al supermercato, ma la trovi durante gli allenamenti, è l’unico modo che conosco. Poi ci chiediamo il perché non concretizziamo, è un difetto che ci portiamo dall’inizio dell’anno e che dobbiamo migliorare. Non è vero che i ragazzi si allenano senza intensità o attenzione.”

Passaggio del turno – “E’ difficile come impresa, ma è giusto crederci. In casa in Champions siamo stati una squadra, fuori abbiamo concesso qualcosa in più. Ma anche loro fuori casa hanno avuto qualche difficoltà in più e non ha fatto vedere la sua forza. Tutti dicevano che Messi non era in condizione, poi ha fatto tre gol domenica, quindi siamo stati bravi noi a limitarlo e a non farlo lavorare tra le linee. Domani dovremo ripeterci, cercando di accorciarlo durante la gara in qualsiasi posizione di campo si trovi.”

Sull’assenza di mentalità vincente – “Della città non parlo, prima di Bologna pensiamo al Barca, prima del Barca pensiamo al derby, la capacità e la mentalità si vede soprattutto dentro casa nostra e bisogna dare continuità ad un pensiero ed ad un’idea. Qui si è vinto pochissimo, la mentalità vincente non c’è mai stata o poche volte in passato. Si crea nel tempo creando senso di appartenenza, identità, dare continuità al lavoro andare poco dietro all’ambiente in generale. Tu puoi trascinare la gente alla lunga, non con le chiacchiere, ma con i risultati che sono discontinui e che lo sono sempre stati, ce lo portiamo da tempo e che dobbiamo migliorare. Non dobbiamo dare adito a ambiente, radio, non mi piace parlare di questo, preferisco guardare in casa nostra e a quello che dobbiamo migliorare.”

Sul possibile utilizzo di Schick dal primo minuto e sulle condizioni fisiche di Perotti ed Under – “Potrebbe esserci sì spazio per Schick, per trovare la via del gol. Ha nel DNA la possibilità di fare gol, anche se ne ha fatti pochi. Vediamo le risposte di Under nella rifinitura, oggi valuteremo definitivamente se usare uno o l’altro. Under sarà sicuramente convocato, Perotti non ci sarà, c’è l’auspicio di averlo per il derby. Ma è difficile.”

 

Alla vigilia del match interno contro il Barcellona, il centrocampista belga Nainggollan si è presentato in sala stampa per rispondere alle domande dei cronisti presenti

Sul match d’andata E’ stata una bella partita da parte nostra, siamo stati un po’ sfortunati, episodi a favore non dati. Adesso siamo qua, speriamo di fare una bella partita. Speriamo di fare qualcosa di importante.”
Sulle percentuali di passaggio del turno – Non so, occasioni per fare gol ne abbiamo avute all’andata. Anche contro la Fiorentina ne abbiamo avute tante, bisogna concretizzarle. Dipenderà da noi, bisogna essere più cattivi sotto porta e sfruttare le occasioni. Si vedrà come andrà, dobbiamo entrare in campo con il pensiero di poter far bene e far male anche a una squadra come il Barcellona.”
Sulla sua condizione fisica – Penso che prima della partita di Bologna stavo al 100%, poi ho avuto questo problemino che mi ha dato un po’ di fastidio ma che di giorno e giorno va sempre meglio. Sto lavorando personalmente per mettermi al 100%, io voglio giocare sempre, con il Barcellona non ho voluto perché non potevo spingere al massimo ed ho pensato di lasciare il posto a chi poteva dare il massimo. Ora sto cercando di riprendermi il primo possibile e stare meglio.”

 

 

Riccardo Luppino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Aggiorna le mie impostazioni privacy