Calcio Gazzetta

[FOCUS] Juve: gli spietati

Embed from Getty Images

Capeggiata da Higuain l’infallibile, l’armata bianconera fresca di nuovo modulo continua a vincere senza subire gol.

La svolta del 4231 sembra davvero aver segnato il cammino dei bianconeri che, pur essendo primi in campionato e in lotta su ogni fronte, prima non riuscivano a vincere e convincere. Dopo Sassuolo superato anche un altro scoglio ostico in trasferta come il Cagliari che, tra le mura amiche, si è tolto parecchie soddisfazioni.

Infallibile il terminale offensivo che in 2 occasioni segna 2 gol, tutto ciò che tocca il Pipita diventa oro alla faccia di chi non comprendeva il perchè di una tale spesa. Sono infatti 12 su 18 (in Serie A) i gol decisivi di Higuain, in termini di punti 24 sui 60 conquistati dai bianconeri, 8 le reti nelle ultime 7 partite, a segno nelle ultime 6 trasferte e primo nella classifica marcatori a pari merito con Dzeko (ma senza rigori). Se solo gli altri avessero il suo cinismo si finirebbe sempre in goleada, ma l’unica pecca di questa Juventus è forse quella: non riuscire ad infliggere il colpo del KO.

Da tutto questo ne esce un po’ oscurato, ma comunque sereno, il giovane Dybala a cui la voglia di esultare spesso rimane “incastrata” in gola tra un palo, un miracolo del portiere o un po’ di scarsa precisione. Il rendimento della Joya un po’ più lontano dalla porta però non si discute, come neanche il suo rapporto con Allegri.

Sta di fatto che la pratica ieri alla fine l’ha chiusa un altro spietato: Gigi Buffon. Il numero uno bianconero non si è lasciato impietosire dalla soddisfazione che avrebbe potuto provare il redivivo Pisacane al suo primo gol in Serie A, ma ha compiuto un intervento eccezionale che lo mantiene sempre al primo posto tra i portieri migliori del mondo. E non deve esser facile risponder così prontamente a chiamate del genere dopo che passi gran parte delle partite a riposare in piedi, perchè il dato pazzesco di questa nuova Juve è il numero (zero) di gol incassati da quando si è passati al modulo a trazione anteriore.

Ora i bianconeri sono già in clima Champions perchè la prossima settimana c’è la sfida esterna col Porto, ma prima (venerdì sera) il match casalingo contro il decadente Palermo, partita in cui mancherà Mandzukic squalificato, ma in ogni caso è facile che Allegri proporrà molto turnover.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.